Lighting Fields 3 - 2015 by Artemide

More catalogs by Artemide | Lighting Fields 3 - 2015 | 84 pages | 2015-08-07

Ads

Contacts for Artemide

Artemide S.p.A.
C.so Monforte, 19
I-20122 Milano (MI)

http://www.artemide.com/

Lighting Fields 3 - 2015 is listed under these categories

Home & Garden > Lamps & Lighting

Featured catalog pages of Lighting Fields 3 - 2015

la triennale di milano è l’unica istituzione internazionale interamente dedicata alla promozione delle attività progettuali dall’urbanistica all’architettura al design alla comunicazione a partire dalla v esposizione del 1933 diventa un ente dedicato all’“esposizione triennale internazionale delle arti decorative ed industriali moderne e dell’architettura moderna” ed è ospitata nel palazzo dell’arte progettato da giovanni muzio al parco sempione le esposizioni della triennale di milano oltre a presentare celebri installazioni come neon di lucio fontana ix triennale 1951 hanno contribuito all’affermazione dell’unità delle arti e allo sviluppo dell’architettura moderna e del design tale attività culturale e istituzionale prosegue con la xxi edizione dal titolo “21st century design after design” prevista per il 2016 attualmente la fondazione triennale ha esteso i propri settori

albe steiner bruno munari pier giacomo e achille castiglioni vico magistretti marco zanuso franco albini roberto sambonet danno inizio negli anni cinquanta al fenomeno del design milanese sostenuto dalle iniziative del grande magazzino la rinascente che dietro suggerimento di gio ponti nel 1954 istituisce il premio compasso d’oro nel 1956 è fondata l’adi associazione per il disegno industriale per riunire progettisti imprenditori e intellettuali del nascente “design” milanese a fianco delle mostre della triennale nel 1961 nasce il salone del mobile che porterà il design d’arredo alla leadership mondiale infatti dopo la critica al consumismo portata dai gruppi “radicali” degli anni settanta guidati da alessandro mendini ed ettore sottsass jr il design trova nella iniziativa di imprese come artemide kartell alessi flos cassina unifor b&b e molte altre una nuova vitalità infine sorgono nuove scuole di formazione l’istituto

“impressionismo elettromagnetico” nel proporre un disegno degli spettri luminosi che combini specifiche e distinte lunghezze d’onda ci troviamo ad utilizzare delle tecniche paragonabili all’impressionismo di claude monet e al puntinismo di georges seurat “electromagnetic impressionism” in proposing a design of light spectra that will combine specific and distinct wavelengths we have found ourselves using techniques comparable to the impressionism of claude monet and the pointillism of georges seurat bird connective electrical serie and electric switch human 370 445 508 565 nm max off max off max off max dog off 410 430, 543 635 642, 662 nm 635, 642, 662 nm 410, 430, 453 420 460 534 564 nm 429 555 nm plant 505 nm off hamster max “spectral light” abbiamo adattato diversi spettri alle esigenze dei vari “abitanti” della casa uomini animali domestici uccelli piante di questi

arts foods si articola in una serie di ambienti dedicati ai luoghi e agli spazi del convivio in cui arredi oggetti elettrodomestici e opere d’arte creano una narrazione di forte impatto visivo e suggestione sensoriale arts foods is made up of a series of settings devoted to the places and spaces of dining in which furniture objects household appliances and works of art create a narration with a powerful visual and sensory impact germano celant 50 le opere tra le quali asfissia di angelo morbelli 1884 in alto appaiono intrecciate alle testimonianze di artisti designer e architetti che dall’impressionismo alle avanguardie storiche dalla pop art alle ricerche più recenti hanno contribuito allo sviluppo della visione e del consumo del cibo allestita negli spazi esterni e nella curva del palazzo dell’arte “arts foods” è l’unica area tematica di expo milano 2015 realizzata in città the works including angelo morbelli’s asphyxia

algoritmo copernico una pro nur led ego 5 spot ego 220 niki dioscuri 14 dioscuri 25 dedalo 60 refettorio ambrosiano davide rampello massimo bottura il refettorio ambrosiano è un luogo culturale non solo funziona come mensa sociale ma ha anche un ruolo attivo in expo 2015 utilizzando creativamente gli ingredienti in eccedenza provenienti dai padiglioni the ambrosian refectory is a place of culture not only does it operate as a soup kitchen but it will also play an active role in expo 2015 making creative use of leftover ingredients from the pavilions 58 il nuovo refettorio ambrosiano sorge in un ex spazio teatrale nei pressi della parrocchia di san martino in greco l’idea nasce dall’intuizione dello chef massimo bottura e di davide rampello direttore artistico dell’operazione il refettorio funziona come mensa sociale ma ha anche un ruolo attivo in expo 2015 durante l’esposizione oltre trenta chef internazionali prepareranno i menù utilizzando gli

capire le radici del design italiano e il suo stretto legame con la realtà creativa milanese porta inevitabilmente a osservare quali effettivi “sismografi” della cultura del progetto le edizioni delle biennali delle arti decorative tenutesi nella villa reale di monza 19231930 e le successive triennali milanesi accolte dal 1933 nel palazzo dell’arte disegnato da giovanni muzio si tratta di comprendere nelle loro molteplici espressioni i messaggi di rinnovamento contenuti nel multilineare scenario offerto dalla serie storica delle diverse edizioni in nuce emerge dalle sale arredate dai padiglioni dalle case sperimentali costruite nei parchi quello della villa reale a monza e poi del sempione a milano la tensione verso il desiderio di rinnovamento che sia la corrente novecentista sia le istanze innovatrici del razionalismo volevano raggiungere una compresenza che non può essere assunta come presunto antagonismo né stilistico né ideologico ma che piuttosto

1967 angelo mangiarotti disegna lesbo e saffo in vetro murano soffiato-sfumato e metallo lucidato 1967 angelo mangiarotti designs lesbo and saffo in blown and tinted murano glass and polished metal angelo mangiarotti